Che cos'è la dermatite atopica?

Iniziamo con l'analizzarne il nome: "derma" sta per pelle. Dal suffisso "-ite", invece, è facile capire che stiamo parlando di un'infiammazione. La parola "atopica" deriva dal greco e indica l'assenza di un luogo preciso.

Stiamo quindi parlando di un'infiammazione della pelle che coinvolge tutto il corpo.


E' una malattia?

Se vogliamo definire la malattia come uno stato anomalo di un organismo, allora si: la è. Ed è cronica, ossia senza possibilità di guarigione. Almeno fin'ora.


Le sue principali manifestazioni sono:

  • la secchezza cutanea,

  • il prurito.

Si tratta di un circolo vizioso, in cui è difficile distinguere quale sia la causa e quale sia la conseguenza. La pelle si secca, perde di idratazione, squama e diventa pruriginosa. Grattandosi, l'atopico non fa che aumentare l'irritazione e la secchezza cutanea, generando una maggiore necessità di grattare. E così via. Finché, spesso, di pelle da grattare non ne resta. Si formano così tagli, croste, vescicole, rossore, eritemi e, nei momenti peggiori, spesse lichenificazioni.


Le cause?

Non sono ben definite. Una volta, un dermatologo mi ha detto che sono più soggetti ad avere la dermatite atopica i figli di atopici o di allergici. Si tratterebbe quindi, almeno nel mio caso, di fattori genetici: mio padre era un allergico. Si sostiene che anche i fattori ambientali possano essere causa scatenante della dermatite atopica.


Perché succede?

Nell'atopico si verificano due condizioni sfavorevoli:

  • un deficit della barriera protettiva epidermica, che non lascia trattenere l'acqua necessarie per un'adeguata idratazione;

  • in seconda battuta, si assiste ad una risposta esagerata delle difese immunitarie alle aggressioni esterne.


Spesso, la dermatite atopica è associata ad asma e riniti (nel mio caso, alla rinite), perciò è più difficile da gestire durante il periodo delle allergie o in particolari condizioni (esposizione ad agenti chimici, pelo di gatto, polvere...).


Questa, in breve una, definizione di dermatite atopica. Vi do appuntamento al prossimo post per sviscerare un'altra definizione di DA: quella personale, quella del paziente, quella che a noi sta più a cuore.

Ci troviamo tra due giorni! :)


P.S.: vi invito a visitare la mia pagina Facebook e, da oggi, è attivo anche l'account Instagram @l_atopica


#latopica #dermatite #dermatiteatopica #lavitaconlada #da #dermatitis #atopicdermatitis #lifewithad #ad #eczema




0 visualizzazioni

latopica.da@gmail.com

Proudly created with wix.com

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now